• La Tata

La vita in 100 viaggi: i luoghi da vedere e le esperienze da fare nel corso della vita (V)

Aggiornato il: 3 ago 2019



41. Nuotare con il plankton fosforescente.


A far assomigliare l'acqua e la spiaggia ad un cielo stellato sono alcuni microrganismi che, quando vengono disturbati dal passaggio di qualche barca o di qualche uomo, si illuminano come stelle. Ci sono diverse spiagge al mondo dove poter osservare questo fantastico fenomeno: Bali (Indonesia); Cairns e Gippsland Lake (Australia); Cortez (Florida); Halong Bay (Vietnam); La Jolla Cove, Torrey Pines Beach e Mission Bay (San Diego, California); Manasquan Beach (New Jersey); Mosquito Bay (Puerto Rico); Norfolk (Gran Bretagna); Reethi Beach (Maldive); Ton Sai (Krabi, Thailandia); Toyama Bay (Giappone); Zeebrugge (Belgio). Ora non vi resta che scegliere il posto che vi fa più


42. Partecipare all'Holi Festival, India.


Personalmente adoro questo festival! E' una festa tipica della tradizione spirituale induista ed è completamente dedicato ai colori e all'amore; infatti è usanza, durante questo festival, lanciare e lanciarsi delle polveri colorate che simboleggiano la reincarnazione e la rinascita. Il festival festeggia anche la vittoria del bene sul male, l'arrivo della primavera (rinascita), l'incontro con gli altri. la voglia di giocare e dimenticare i dolori, perdonare e consolidare le relazioni.

Il festival ha il suo inizio con un falò in corrispondenza della luna piena in cui viene simbolicamente bruciato il male. Potete partecipare all'Holi Festival in tutti i Paesi con una spiccata presenza di induisti: in India, in Pakistan, in Nepal o nello Sri Lanka. Le due città più consigliate dove vivere appieno questa festa sono Mumbai e Mathura (città natale di Krishna). Le date per il prossimo Holi Festival sono il 9 e 10 marzo 2020.

L'Holi Festival è diventato così tanto famoso che se ne trovano in giro in tutto il mondo: se ne festeggiano di grandiosi in America del Nord e in Europa (Italia compresa). Queste feste sono del tutto slegate dal senso religioso con il quale sono nate, quindi non sono vincolate da date precise, ma vengono organizzate soprattutto d'estate.

Per maggiori informazioni vi lascio il link ad un articolo, molto ben scritto e dettagliato, del sito "Il Pensiero Viaggiatore".

E se volete vedere lo spirito di questa festa vi consiglio la visione del video dei "Coldplay - Hymn For The Weekend"


43. Partecipare al Gay Pride di Brighton, Inghilterra.


Secondo la mia personale opinione ogni Gay Pride Festival vale la pena di essere visto e partecipato, perché è uno spettacolo unico, un momento di fratellanza e di rispetto che riempie il cuore di amore e buonumore....❤

Ho scelto di parlarvi di quello di Brighton, città costiera della Gran Bretagna in prima istanza perché è molto grande e con tanti partecipanti, quindi spettacolo assicurato, e poi perché quest'anno deve essere ancora festeggiato quindi, se vi prende voglia o non avete ancora deciso dove andare quest'estate, fate ancora in tempo ad assistere al Gay Pride più grande d'Europa! Le date per il 2019 sono dal 2 al 4 agosto.

Quello di Brighton, che tra le altre cose è una cittadina carinissima e con gli abitanti più "open-minded" d'Inghilterra, è uno delle Gay Parade più vecchie; infatti la prima marcia ha sfilato nel 1973, quando ancora in molti Paesi del mondo, era impensabile anche solo dichiararsi semi apertamente omosessuali.

Per tutte le info sul Festival vi linko il sito ufficiale del Brighton and Hove Pride 2019.


44. Passeggiare per la Muraglia Cinese e scovare i tratti ancora non restaurati, Cina.


La Grande Muraglia Cinese (o Changcheng in lingua originale) è veramente tanta roba...

Patrimonio dell'Umanità Unesco dal 1997 e una delle Sette Meraviglie del Mondo Moderno dal 2007, questa serie infinita di mura, che misura la considerevole cifra di 8.852 chilometri (😱), deve la sua costruzione, iniziata nel 215 a.C., all'imperatore Qin Shi Huang; magari, detto così, il nome non vi dice niente, ma è lo stesso che fece costruire l'Esercito di Terracotta. Lo scopo della Grande Muraglia invece era quello di difendere i territori dalle invasioni delle tribù nomadi.

Il tratto di mura più famoso (e quindi più visitato e meglio conservato) è quello nei dintorni di Pechino, ma ci sono altri tratti meno conosciuti e molto più affascinanti da poter esplorare, per esempio la sezione nella contea di Luanping chiamata Jinshaling.


45. Fare un tour on the road scoprendo le Cinque Terre. Liguria, Italia.


Quando si parla della Cinque Terre si intende un tratto di costa frastagliata che si affaccia nel Mar Ligure e che fa parte della Riviera ligure di Ponente, situata nel territorio della provincia della Spezia, dove si possono trovare 5 borghi (o come li si chiamava anticamente, terre): Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore. Queste cinque Terre sono entrate a far parte del Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco perché "è un paesaggio culturale di valore eccezionale che rappresenta l'armoniosa interazione stabilitasi tra l'uomo e la natura per realizzare un paesaggio di qualità eccezionale, che manifesta un modo di vita tradizionale millenario e che continua a giocare un ruolo socioeconomico di primo piano nella vita della società".

Insomma, in poche parole, ci troviamo di fronte ad uno spettacolo unico, dove la natura e la mano dell'uomo hanno collaborato per creare qualcosa di unico e indimenticabile. Visitare questi borghi vi farà vivere un'atmosfera così particolare da farvi portare a casa dei ricordi che difficilmente vi scorderete!

Vi lascio il link al sito ufficiale delle Cinque Terre per maggiori approfondimenti!


46. Ammirare stupiti l'aurora boreale, Islanda.


Iniziamo con il dire che l'aurora boreale (o polare, o australe) è un fenomeno ottico (spettacolare n.d.r.) dell'atmosfera terrestre formato da bande luminose che cambiano rapidamente nella forma e nei colori. Senza entrare troppo nel dettaglio, il fenomeno è causato dall'interazione di protoni ed elettroni con la ionosfera terreste, emettendo così queste bande colorate. A causa della geometria del campo magnetico terrestre, questo fenomeno si può osservare solo vicino ai poli magnetici terrestri, in particolare in Svezia, Norvegia, Lapponia, Finlandia, Alaska, Canada, Groenlandia e Russia.

Uno dei migliori punti d'osservazione dell'aurora boreale è l'Islanda, dove il fenomeno è visibile da settembre a metà aprile. L'orario con più probabilità di vederla è tra le 22:00 e le 23:00, ovviamente quando il cielo è libero da nubi.

Negli app store ci sono un sacco di applicazioni gratuite che vi avvisano sul quando e dove sono visibile le aurore; basta cercare "northern lights alert" e scaricare quella che preferite...buona caccia!!


47. Porta dell'inferno, Turkmenistan.


Chiamata anche Darvaza, la porta dell'inferno altro non è che un cratere, situato nel deserto del Karakum, in Turkmenistan, a circa 250 km a nord di Ashgabat. Questo cratere è di origine artificiale; infatti è stato creato nel 1971, perforando la superficie in cerca di petrolio, ma qualcosa è andato storto. Il terreno tutt'intorno alla perforazione ha iniziato a crollare, dando una via di fuga al gas naturale presente sotto la crosta terrestre; per evitare conseguenze peggiori, all'epoca si decise di dargli fuoco. Da allora brucia ininterrottamente, ed è per questo motivo che i locali lo hanno chiamato porta dell'Inferno.

Il cratere ha delle dimensioni notevoli (5.350 metri quadrati) ed è uno spettacolo unico e paralizzante. Fortunatamente, prestando attenzione ad alcune accortezze, il cratere e visitabile dai turisti e la zona circostante è attrezzata per il campeggio.


48. Perdersi tra le pittoresche vie di Carcassonne, Francia.


Carcassonne (nome, a mio avviso, molto più elegante del corrispettivo in italiano Carcassona) è una cittadina francese, che si trova più precisamente nell'Occitania, famosa per il restauro e la ricostruzione, praticamente per intero, della cittadella fortificata in stile medievale. Infatti, nella metà dell'800, la città era caduta così tanto in rovina che il governo francese decise di raderla al suolo; per fortuna ci fu un tumulto! I cittadini riuscirono a vincolarla come monumento storico e poi, in seguito, fu restaurata e ricostruita. Nel 1997 fu inserita nella lista come Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco.

La fortificazione conta 53 torri, una doppia cerchia di mura e ben due città al suo interno: la città bassa e la cittadella medievale. Prendetevi l'intera giornata per perdervi tra le viuzze acciottolate della cittadella e per gustarvi tutti i negozietti di artigianato, prodotti locali, ristoranti e souvenirs che la città ha da proporvi.

Per maggiori informazioni vi lascio il sito ufficiale del turismo di Carcassonne (in tutte le lingue tranne che in italiano)


49. Vedere un tramonto sul Grand Canyon (magari anche con la neve!), Nevada, USA.


Partiamo con lo spiegare brevemente cos'è il Grand Canyon, perché solo così si può capire appieno la magnificenza di questo luogo e della Natura che lo ha creato. Il Grand Canyon è un'immensa gola creata dal fiume Colorado, è lungo 446 km, profondo fino a 1857 mt e con una larghezza variabile dai 500 mt ai 29 km. Esatto, avete capito bene, tutto ciò è stato creato dal fiume Colorado e dai suoi affluenti i quali, in quasi 2 miliardi di anni, hanno eroso centimetro dopo centimetro, strato dopo strato le rocce, regalandoci uno degli spettacoli migliori sulla faccia della terra. E credetemi quando vi dico che stare in piedi ammirando questo infinito spettacolo, è qualcosa che non dimenticherete mai nella vita! Io ho avuto la fortuna di vederlo innevato (v. foto a lato) e la meraviglia è stata ovviamente doppia!! Potete visitare il parco del Grand Canyon in diversi modi: in auto, fermandovi ai molteplici punti d'osservazione molto ben segnalati; scendendo nella gola a piedi o a dorso di mulo, ma contate almeno due giorni con un pernotto in tenda o all'unico ranch in fondo alla gola, perché la strada da percorrere e davvero molta; sorvolarlo a bordo di un elicottero; attraversare il Grand Canyon Skywalk, una passerella semiovale che vi porta nel vuoto, ad ammirare uno dei punti più belli della gola, come se volaste!

Per avere tutte le info di cui necessitate, ecco il link del sito ufficiale del Grand Canyon!


50. Testare la famosa ospitalità marocchina in un Riad, Marocco.


L'ospitalità in Riad è l'ultima frontiera dell'hotellerie in Marocco. I Riad sono sempre più un'alternativa ai grandi hotel di lusso, soprattutto nelle grandi città come Marrakech. Si possono trovare due tipi di Rìad: quelli famosi e costosi o quelli più tradizionali, veramente tipici, nei quali si viene accolti ancora con il classico thè marocchino.

Quale sia il tipo di struttura che sceglierete (per intenderci dagli economici paragonabili ai 2-3 stelle, fino a quelli più costosi paragonabili ai 5 stelle), quello che non mancherà mai sono la gentilezza, la cura e l'amore per il cliente e la pulizia, sempre impeccabile, che i gestori hanno e mettono in queste abitazioni restaurate e messe a disposizione dei turisti. Se andate in Marocco è un'esperienza che non potete perdervi assolutamente!


Siamo arrivati già a metà del nostro viaggio del mondo virtuale!!! Domani la prossima puntata, dove scopriremo le posizioni dalla 51 alla 60...non perdetela!!


Se siete capitati per caso ma siete curiosi di sapere dove siamo già stati, vi lascio di seguito i link delle puntate precedenti!


Parte I, dalla posizione 1 alla 10: https://www.themeltingbox.it/post/la-vita-in-100-viaggi-i-luoghi-da-vedere-e-le-esperienze-da-fare-nel-corso-di-una-vita-intera


Parte II, dalla posizione 11 alla 20: https://www.themeltingbox.it/post/la-vita-in-100-viaggi-i-luoghi-da-vedere-e-le-esperienze-da-fare-nel-corso-di-una-vita-intera-ii


Parte III, dalla posizione 21 alla 30: https://www.themeltingbox.it/post/la-vita-in-100-viaggi-i-luoghi-da-vedere-e-le-esperienze-da-fare-nel-corso-della-vita-iii


Parte IV, dalla posizione 31 alla 40: https://www.themeltingbox.it/post/la-vita-in-100-viaggi-i-luoghi-da-vedere-e-le-esperienze-da-fare-nel-corso-della-vita-iv


9 visualizzazioni

©2019 by The Melting Box. Proudly created with Wix.com