• La Tata

Le erbe in cucina: idee e soluzioni per creare il tuo giardino



Realizzare una zona di piante aromatiche in giardino, in cortile, nell'orto, in balcone o in terrazzo è un'operazione piuttosto semplice.

In questa parte tratteremo solo le zone a terra, come giardino, cortile, orto, aiuole e prati; per balconi e terrazzi troverete un articolo a parte!


Le aromatiche accettano anche di vivere in poco spazio, l'importante è che:

- il terreno sia sufficientemente profondo e ben drenato; il ristagno idrico radicale può essere molto dannoso.

- la zona scelta non sia troppo vicina a fonti di inquinamento, come strade ad alto traffico o alberi da frutto sottoposti a trattamenti fitosanitari, questo perché le erbe sono destinate al consumo alimentare.

- le piante devono essere facilmente accessibili.

- per quanto riguarda invece l'illuminazione, va bene metterle sia in pieno sole che in mezz'ombra.


Per quanto riguarda l'accessibilità, se avete la possibilità e decidete di piantarle a terra, potete semplicemente disporre delle assi di legno o delle lastre di pietra tra i filari per poter transitare tra le piante senza calpestarle.


Un altro sistema semplice ,ad effetto, oltre che essere molto pratico, è quello di creare delle aiuole sopraelevate, raggiungibili da ogni lato. Questo era il concetto degli "orti semplici" coltivati dai monaci nei monasteri. Con questo sistema potete pensare anche di dare un valore estetico al vostro giardino, creando aree quadrate o triangolari, oppure creando dei disegni a raggiera intorno ad un fulcro centrale in cui piantare, ad esempio, un alberello di alloro o limone (a breve arriverà un articolo specifico su come progettare ogni tipo di spazio quindi, se vi interessa l'argomento, stay tuned!!). Per completare la composizione potete posizionare anche vasi disposti ad altezze diverse, utilizzando sgabelli, tavolini, scalette e contenitori di diverse dimensioni o, al contrario, un allineamento ben ordinato di vasetti tutti uguali, magari di diversi colori vivaci.


Un consiglio che mi sento di darvi è quello di dotare le piante di un cartellino con il nome della specie perché, nonostante alcune piante siano facilmente riconoscibili, altre potrebbero essere confuse in quanto molto simili (tipo maggiorana ed origano). Se scegliete di piantare a terra all'interno di un prato, ricordatevi di creare un bordo di mattoni o cemento di circa 20 centimetri per evitare di falciarle quando tagliate il prato.

Se create delle bordure, ponete sempre sul fronte le erbe più basse e le prostrate (ad esempio camomilla, timo e origano); nella parte centrale mettete le piante di medio sviluppo (come lavanda, salvia, artemisia), mentre sul fondo, vicino al muro, vanno messe le piante alte (come il rosmarino). È consigliabile evitare di piantare esemplari singoli, meglio piantarle in gruppi e, se volete avere un'aiuola a bassa manutenzione scegliete delle specie sempreverdi, così da averle per tutto l'anno, insieme a piante rustiche perenni e qualche specie dai colori vivaci. Quando avranno attecchito richiederanno poche cure, al massimo una potatura a tarda primavera ed un ritocco a tarda estate se necessario, oltre che una leggera concimazione organica una volta all'anno.


Qualche consiglio sulle specie preferibili (per longevità, resistenza alle malattie e di facile propagazione e attecchimento): lavanda, issopo officinale, salvia, origano, melissa, ruta, finocchio selvatico, elicriso. Per ricoprire rapidamente il terreno ed evitare erbe infestanti, sono adatte alcune tappezzanti di piccola taglie e dallo sviluppo veloce, come timo, camomilla, asperula (detta anche stellina odorosa perché forma un tappeto costellato di fiorellini bianchi a forma di stella), l'importante è che ne conteniate lo sviluppo con bordi o muretti. In una bordura al sole, potete mettere i fiori colorati della calendula, i quali sono ricchi di virtù salutari e preziosi in cucina per colorare e insaporire insalate e risotti; alle loro spalle potete piantare rosmarino, salvia, lavanda che amano il pieno sole.

Nelle aiuole potete coltivare erbe di media altezza: al sole il Galium verum (o caglio zolfino), la melissa officinale, salvia e lavanda; in mezz'ombra potete mettere la menta, mentre all'ombra piantate la persicaria bistorta, l'aglio selvatico (o ursino), o la polmonaria. In grandi vasi potete sistemare delle belle erbe dal fogliame cadente, come la malva alba, la nepeta o la alchemilla alpina.

Se in giardino avete una zona rocciosa e non sapete proprio cosa farci, perché non trasformarla in un'aiuola di piante aromatiche? Le più adatte a terreni rocciosi sono il timo, il rosmarino prostrato, l'issopo e l'origano aureo. Così, con poca fatica, avete valorizzato un angolo inutilizzato del vostro giardino!


I vantaggi di coltivare le aromatiche e le officinali sono molteplici: in primis avrete uno scrigno di sapori sempre a portata di mano da usare in cucina e per la salute (ma di questo ne parleremo in un altro articolo); inoltre, non da meno, queste erbe attirano api e farfalle e molte di loro tengono lontani i parassiti dal resto delle piante.

Spero davvero che abbiate trovato questo articolo interessante ed utile. Se avete qualche dubbio, qualche consiglio, o qualcosa vi è sembrata poco chiara, scrivetemi pure in chat, tramite mail o in uno qualsiasi dei miei social ed io vi risponderò il prima possibile!

Vi ricordo che a breve usciranno anche i post dedicati alla coltivazione delle aromatiche in balcone e quello dedicato ai consigli del garden designer. Non mancate, vi aspetto!!






7 visualizzazioni

©2019 by The Melting Box. Proudly created with Wix.com