©2019 by The Melting Box. Proudly created with Wix.com

  • La Tata

Leggende di Halloween: la storia di Jack O' Lantern.


Jack O' Lantern è il nome della famosa zucca intagliata, tradizione negli Stati Uniti per festeggiare Halloween, che da qualche anno ha fatto capolino anche da qui in Italia, Ma perché si chiama così? La leggenda ha le sue origini lontano nel tempo, a quando i primi irlandesi misero piede negli States e portarono con loro la storia di Jack, un fabbro spilorcio e continuamente attaccato alla bottiglia, che riuscì ad ingannare il diavolo, ma che alla fine rimase fregato lui!!!


Come abbiamo detto Jack era un tipo di sicuro poco raccomandabile, sempre in giro per qualche locale con l'intento di scroccare una pinta fino a quando, un giorno, durante la serata di Halloween, in uno dei locali che era solito frequentare, incontrò nientepopodimeno che il diavolo in persona! Il diavolo si presentò e Jack, che già era un po' ubriaco, decise che avrebbe provato ad ingannarlo, proponendogli un patto: gli avrebbe ceduto la sua anima in cambio di un ultimo boccale di birra! Il diavolo, come si sà, è sempre alla ricerca di nuove anime, così acconsenti e si trasformò in una moneta, in modo che Jack potesse pagare il barista, Ma Jack prese il diavolo-moneta e lo mise nel suo portamonete dove teneva sempre una piccola croce d'argento, pagando la pinta con una moneta che aveva in tasca.

Il crocifisso d'argento impedì al diavolo di trasformarsi di nuovo, costringendolo a rimanere dentro al portamonete imprigionato. Ovviamente il diavolo si lamentava di questa situazione e il nostro fabbro si trovò costretto a fare un altro patto con lui: lo avrebbe liberato solo se il diavolo non si fosse presentato a battere cassa per altri 10 anni. Il diavolo accettò ed riebbe la sua libertà.


I 10 anni passarono ma Jack rimase sempre lo stesso fabbro scorbutico, spilorcio e ubriacone. Il giorno di Halloween, camminando per strada, incontrò di nuovo il diavolo che era tornato per reclamare la sua anima. Jack disse: "D'accordo, vengo con te, ma come ultimo desiderio vorrei tanto una mela da quell'albero...me la prendi?". Il diavolo pensò che, in fondo, non c'era nulla di male, così salì sul melo per prendere il frutto, ma quando fu in cima, Jack, svelto svelto, incise una croce sul tronco e quel povero diavolo si ritrovò di nuovo imprigionato! Come successe la prima volta, anche stavolta Jack patteggiò con lui, facendosi promettere che non sarebbe più tornato a chiedergli l'anima in cambio della libertà. Il diavolo di sicuro accettò e gli disse che mai più avrebbe voluto l'anima di Jack.

Gli anni passarono ed il nostro fabbro ebbe una vita piuttosto lunga, ma alla fine, pure per lui, arrivò il giorno della morte. Uscita dal corpo, la sua anima bussò alle porte del paradiso tuttavia San Pietro non lo volle far entrare: il suo comportamento in vita era stato troppo empio per meritarsi quel loco ameno! Allora L'anima di Jack raggiunse mestamente i cancelli dell'inferno, dove gli venne ad aprire il suo amico diavolo.

"Ciao amico, fammi entrare! In paradiso non mi hanno voluto".

"Chi si rivede! Ciao amico, non posso farti entrare! Ho promesso che non avrei mai reclamato la tua anima!"

Jack, rimasto di sasso, si rivolse nuovamente al diavolo: "Allora...dove dovrei andare?"

"Non lo so amico mio, tornatene da dove sei venuto!"

"Ma..." rispose Jack titubante, girandosi indietro, "Ma la strada è buia e ventosa, dammi almeno qualcosa per farmi luce".

Il diavolo, infastidito e spazientito, gli lanciò dei carboni ardenti per zittirlo, Jack li prese e li infilò in una zucca tutta bucata che era lì vicino, per ripararli dal vento e non farli spegnere...

Da allora Jack vaga sulla terra, durante la notte, con la sua lanterna luminosa, in attesa del giorno del giudizio...

Ed è per questo motivo che la lanterna fatta di zucca è diventata il simbolo delle anime dannate che girovagano ancora per il mondo in cerca di una pace che non troveranno mai, se non alla fine dei giorni.





Vi è piaciuta questa storia? Spero di si! Ci vediamo presto per altre leggende a tema Halloween!!!


Un saluto e un abbraccio,

La Tata ❤



6 visualizzazioni