©2019 by The Melting Box. Proudly created with Wix.com

  • Dolph Sterling

Riflessi 9: Una fredda brezza...



Sono solo e me ne rendo conto solo adesso.


Sono accucciato nel mio letto, a pensare al nulla che mi circonda; il nulla nel cuore e nella mente offuscata dalle lacrime troppo amare; era una montatura, una farsa, la maggior parte delle mie amicizie erano fasulle.


E se non fossero gli altri a sbagliare? Se fossi io ad essere senza carattere? Forse si, forse è questo il problema, forse ho bisogno di stare appiccicato agli altri per assimilare il loro carattere...


Sono solo e mi viene una voglia matta di piangere; sono solo e mi vien voglia di sapere quanto vale l'amicizia, mi viene voglia di sapere se una lacrima vale una parola di conforto, se un lungo silenzio vale un intero discorso.


Ma queste sono solo le parole di un mio racconto o sono i miei pensieri dopo questa giornata?


Chissà se Lilith capisce veramente, chissà se lei ogni tanto mi cerca o mi pensa, non posso stargli troppo vicino altrimenti potrei risultare asfissiante, ma qual’ è la vera distanza da mantenere? Chissà? Forse dovrei chiederglielo, perché in mezzo a tutti questi pensieri sbagliati forse lei è l’unico autentico, lei è la mia migliore amica. Io non vorrei essere né di più né di meno per lei, lei mi dà di tutto ed anche di più.


Forse vorrei essere un po’ più protetto,vorrei dimostrare a tutti che sono un duro, un tosto, ma non posso mentire così tanto, soprattutto davanti a lei,si, vorrei solo essere un po' più protetto.

A Claris dicevo sempre che mi trovavo bene perché mi proteggeva, ma ora non è più così, mi è rimasta soltanto Lilith, chissà se riuscirà a capire. Secondo me sì! Dovrà capire!


Ma ormai è troppo tardi per fargli qualsiasi domanda, per chiedergli un sorriso o per parlargli,lei è andata avanti e, nel frattempo, io mi sono scoraggiato.

Lei è andata avanti, mi ha lasciato qui, solo, in compagnia di una corda, un nero filo che collega me alla mia dolce fine.


Dopo tutto ora, che non sono altro che una fredda brezza piena di morte, posso proteggere io le persone che mi stavano realmente vicine.


La diciannovenne Lilith dopo aver assistito al suicidio del suo miglior amico continua a ripetere di sentire freddo, continua a dire che c’è troppo vento, anche se si trova in una stanza senza finestre e senza spiragli.

6 visualizzazioni